Geoportale Nazionale - Ministero dell'…

Zonazione sismogenetica ZS9

RN.ZONESISMOGENETICHEZS9.LIMITI RN.ZONESISMOGENETICHEZS9.LIMITI RN.ZONESISMOGENETICHEZS9.LIMITI
Service health Now:
Interface
Web Service, OGC Web Map Service 1.3.0
Keywords
infoMapAccessService, Zone a rischio naturale, Attività sismica, Terremoto, Pericolosità sismica, Zone sismogenetiche
Fees
Nessuna condizione applicata
Access constraints
Nessuno
Supported languages
ita
Data provider

Geoportale Nazionale - Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (unverified)

Contact information:

Geoportale Nazionale - Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Geoportale Nazionale - Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Postale:
Via Cristoforo Colombo, 44, 00147 Roma, Italia

Email: 

Phone: +390657223140

Service metadata

Ads by Google

Sulla base della ZS4 e recependo le informazioni selle sorgenti sisomgenetiche messe a disposizione da DISS 2.0, è stato elaborato lo strato informativo relativo alla zonazione sismogenetica ZS9 (Gruppo di lavoro per la redazione della mappa della pericolosità sismica - Ordinanza PCM 20-03-03 n. 3274).

Available map layers (5)

Limiti zone sismogenetiche ZS9 (RN.ZONESISMOGENETICHEZS9.LIMITI)

I limiti tra le zone sono rappresentati utilizzando due diversi colori: nero e blu. Il primo colore definisce i limiti il cui tracciamento è esclusivamente derivato da informazioni tettoniche o geologico - strutturali (es. presenza di faglia di trasferimento, oppure terminazione di un determinato sistema faglie-sorgenti). Il colore blu definisce suddivisioni di zone con uno stesso stile de formativo ma con differenti caratteristiche della sismicità , quali distribuzione spaziale e frequenza degli eventi, massima magnitudo rilasciata, ecc. tali differenze sono significative ai fini di una corretta valutazione della pericolosità  sismica.

Zone sismogenetiche ZS9 (RN.ZONESISMOGENETICHEZS9.ZONE)

Le 42 zone-sorgente di ZS9 sono identificate con un numero, da 901 a 936, o con una lettera, da A a F.

Meccanismo di fagliazione prevalente (RN.ZONESISMOGENETICHEZS9.FAGLIE)

Per ogni ZS è stato determinato il meccanismo di fagliazione prevalente . Per meccanismo prevalente si intende quello che ha la massima probabilità  di caratterizzare i futuri terremoti significativi. Tale meccanismo è stato espresso secondo tre tipologie: Diretto, Inverso, Trascorrente (destro e sinistro) e Indeterminato per i casi in cui l'insieme dei dati non è risultato sufficiente per una determinazione univoca.

Profondità  efficace (RN.ZONESISMOGENETICHEZS9.PROF_EFFIC)

Per ogni ZS si è convenuto di determinare lo strato sismogenetico e, al suo interno, il valore della profondità  efficace, vale a dire quella profondità  alla quale avviene il maggior numero di terremoti che determinala pericolosità  della zona.

Bordi morbidi (RN.ZONESISMOGENETICHEZS9.BORDIMORBIDI)

La tecnica di calcolo della pericolosità  consente di gestire le incertezze sulle localizzazioni epicentrali attraverso l'adozione dei cosiddetti bordi morbidi. Si tratta di una fascia (definita in chilometri) intorno ai limiti di una zona nella quale si produce uno smussamento della distribuzione della pericolosità  producendo gradienti meno accentuati ai confini tra le diverse ZS. Di fatto si esprimere numericamente anche il grado di incertezza che esiste nella delimitazione delle zone e in questo senso è stato utilizzato. E' stato pertanto deciso di definire 5 classi (1, 3, 5, 8 e 10 km) attraverso le quali descrivere un grado di incertezza crescente nella delimitazione delle zone. Per alcune zone sorgente si è deciso invece di non attribuire incertezza per sottolineare come il loro disegno fosse stato guidato da un grado di conoscenza sulle sorgenti sismogenetiche più elevato.

There are currently no notifications for the service, click the feed icon to subscribe.